Quando contano le persone

Ma dove lavoriamo?

Ogni tanto quando il mio lavoro mi va stretto, quando sembra impossibile trovare un equilibrio tra passione, lavoro, regole, orari e famiglia penso che vorrei mollare tutto. Altre volte mi ritrovo a sognare un lavoro con una sede piena di luce, con il tappeto elastico e la piscina di palline per i bambini, una cucina per preparare il pranzo o un tè caldo il pomeriggio, divani su cui sedermi a guardare in faccia i mie colleghi, piante davanti alle finestre… e poi penso: questa non è una redazione di un giornale, è una casa.

Grazie al web e a una mail inaspettata e gentile a firma di Francesca Bertoletti ho scoperto Esthethique. Un brand con la testa a Reggio Emilia e l’anima in Madagascar. Un’azienda che ha scelto le persone, i materiali, lo scambio, la scelta… un luogo-non luogo che assomiglia tanto a quella redazione di un giornale che ogni tanto, nei momenti bui, mi trovo a disegnare nella mia testa.

 

La prima volta

Tutto parte da Maria Teresa: nel 1984 va  per la prima volta in Madagascar. Ed rimane 2 anni in questa terra così lontana, per lavorare ad un progetto di educazione  con le mamme dei bambini malnutriti. Oggi mi  racconta che lo ha fatto perchè fin da giovanissima si è sempre riconosciuta in una frase di Churchill: 

Esistono molte cose nella vita che catturano lo sguardo ,ma solo poche catturano il tuo cuore: segui quelle.

Maria Teresa viene catturata dal Madagascar. Il suo cuore viene catturato dalla luce che brilla negli occhi di questo popolo.

E’ stato catturato dalla loro flemmatica energia, capace di portarli sempre oltre, oltre gli ostacoli, oltre le difficoltà, oltre le paure, oltre…. Ho amato la loro capacità e volontà di vedere sempre il lato bello delle cose.
Da subito mi hanno spinto ad interrogarmi, sulle ingiustizie, sulle disuguaglianze, sulla ricchezza che ogni individuo cela in sè stesso… Domande che mi hanno “costretta” una volta rietrata a voler continuare a lavorare con loro, a cercare di costruire un ponte che attraversasse le distanze che ci separano e ci rendesse capaci di camminare insieme.

Maria Teresa voleva costruire un ponte. E quando si ha il coraggio di seguire il cuore tutto diventa possibile. E’ faticoso, certo (forse anche più di altre strade), ma possibile. In questi 30 anni Maria Teresa ha costruito il suo sogno, ha costruito un lavoro che legasse l’Italia al Madagascar per valorizzare al massimo le capacità, le competenze, gli sforzi delle sue “compagne e dei suoi compagni di strada”. 

Le persone

E’ nata un’azienda, un’azienda dove lavorano delle persone. E si parte da loro (sul vostro posto di lavoro, quanto contate come persone?). Persone come Masimanana che lavora il legno da quando era un bambino, Hermine ricamatrice esperta,Mialy che lavora il cashmere, Hasina che intreccia e modella rafia, sisal e rangotra. Persone come Maria Teresa, brand manager, Francesca digital pr, Stefano, amministratore, Martina art director e Sofia che si occupa dei rapporti con i clienti. 

“Vorremmo instaurare una relazione anche con il nostro pubblico, per ragionare sullo sviluppo della collettività e sul valore dello scambio”.

Le materie: Legno, stoffa, paglia

Sono tutti artigiani, lavorano in casa, ma hanno stipendio e garanzie. Lavorano con continuità e il lavoro di uno aiuta il lavoro di tutti. Gli oggetti che producono sono diversi, ma hanno una cosa in comune: tutti derivano da relazioni basate sui principi di equità, rispetto e crescita della persona. Sono oggetti creati da fibre naturali, metalli riciclati o materiali sostenibili con un impatto ambientale bassissimo.

Le scelte contano

La scelta è chiara.

“Vogliamo provare a essere un’alternativa. C’è il consumismo e c’è chi acquista scegliendo”.

E’ commercio equosolidale? mi direte. Sì, ma con qualcosa in più. E’ uno stile di vita, per chi produce e per chi consuma.

Quante volte ripetiamo. “Il mondo in cui vivamo non ci piace, l’Italia è alla deriva. Non ci sono più regole”.

Ebbene, possiamo scegliere il mondo che ci piace. Il gruppo di Esthethique lo sta facendo, crede nel rispetto del lavoro, dei diritti, dell’ambiente, crede nella bellezza condivisa. Hanno anche un blog, con il motto ” Suggerimenti e idee stimolanti per chi cerca di avere una vita migliore”.

E questo post è solo un’idea. L’idea che possano esistere alternative.

Leave a Comment