benvenuti nella città dell’acciaio

Claudio, Francesco,Ciro. Hanno un nome. Avevano una vita, una famiglia e un lavoro poco sicuro. Tre morti  in quattro mesi. Benvenuti nella città dell’acciaio, benvenuti a Taranto.

Stamattina alle 04.40 nell’area cokerie durante una operazione di intervento di manutenzione alla batteria 9, una delle batterie (ferme perché in rifacimento) una lamiera, utilizzata come copertura provvisoria, ha ceduto. Due operai sono caduti nel vuoto. Un volo di dieci metri. Ciro Moccia, 42 anni manutentore del reparto dell’area a caldo, assunto nello stabilimento nel 2002, è morto all’istante.  Antonio Liddi, di 46 anni dipendente della ditta MR, che era con lui è ferito gravemente.

Il 30 ottobre 2012 è morto Claudio Marsella, è rimasto schiacciato fra due convogli mentre effettuava una manovra di aggancio. Claudio aveva 29 anni

Il 28 novembre,un tornado travolge Taranto e la cabina di una gru dell’Ilva viene sradicata e catapultata in mare.Il corpo del gruista Francesco Zaccaria viene recuperato dai sommozzatori. Anche Francesco aveva  29 anni

La procura ogni volta ha aperto un’inchiesta. I sindacati sono insorti e hanno proclamato 24 ore di sciopero. E a Taranto le ciminiere non si fermano e gli operai continuano a morire.

2 Comments
  • Anonymous
    Feb 28,2013 at 20:47

    Ho lavorato in India qualche anno fa, e fuori dalla fabbrica c’era sempre una fila di persone accovacciata, un giorno ho chiesto: ma cosa fa lì tutta quella gente? Mi hanno risposto aspettano che qualcuno si faccia male o muoia per prendere il suo posto. Vogliono portarci a questo, vogliono che la prospettiva di vita non superi il giorno della busta paga. Una città di morti viventi, zombi dentro e fuori la fabbrica, a noi è vietato sognare un futuro diverso, noi possiamo solo alzarci la mattina, guardare i nostri figli e dire: “Speriamo che oggi non tocchi a me”, dentro e fuori il mattatoio Ilva

  • Feb 28,2013 at 20:38

    … Il vero sindacato avrebbe fermato questa STRAGE da tempo, BRACCIA INCROCIATE e FANCULO ai padroni ed allo stato complice!!!

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.