Giovanni Fernandes che si è meritato la verità vivendo

Mia mamma diceva sempre: «Figlio mio, tu porti il sacco di Giobbe» e poi mi raccontava la storia di Giobbe che portava il sacco della pazienza di Dio, un sacco senza mai fine, né limiti.
Non lo so se porto davvero il sacco di Giobbe, so solo che mi chiamo Giovanni Fernandes e sono alto un metro e 92.
Perché vi dico la mia altezza?
Perché 32 centimetri hanno cambiato la mia vita.
Non ci credete?

 

Ve lo dimostro.
 
 
Racconti in sala d’attesa, per me è importante per molti motivi. Uno di questi si chiama Giovanni Fernandes. Nel mio racconto racconto la sua storia. Su Voltapagina ho già parlato di Giovanni Fernandes, ma per scrivere il racconto per le sale d’attesa l’ho incontrato, ho conosciuto la sua famiglia, la loro forza, il coraggio, la semplicità.
Giovanni è una vittima innocente della mafia. Ma è soprattutto un lottatore innamorato della vita e del prossimo.
Giovanni non si è mai arreso e mi ha insegnato a cercare sempre il lato positivo in tutto ciò che ci accade. E credetemi non è così facile, ma lui c’è riuscito.
 
La storia di Giovanni è un motivo in più per leggere i Racconti in sala d’attesa
 
NOTA. Per la storia di Giovanni un grazie va ad Eliana Iorio.
 

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.