E’ viva Taranto

“Io voglio un lavoro pulito, perché si lavora per vivere”. L’operaio Ilva non ha paura e non esita. Sorride con il sole che gli riempie lo sguardo. E si toglie il casco, si libera della sua tuta e si riprende la sua vita. A terra, tra la polvere rossa, rimane il suo passato.

Un anno fa la Regione Puglia ha realizzato uno spot (con fondi pubblici)  “Questa è Taranto” e per esaltare le bellezze della città, goffamente riprendeva una città senza camini, né inquinamento. Un falso. Uno spot inutile, perché non vero.

Il presidente della regione Nichi Vendola dovrebbe guardare oggi lo spot realizzato a Taranto da un gruppo di cittadini che non nascondono l’Ilva, ma che non hanno neanche paura di parlare di “coraggio”, di sogni”, di “futuro”, di “vita”, di SPERANZA.

‘E’ Viva Taranto’ è uno spot ideato e creato da Claudio Merico, violinista tarantino, sostenuto dall’associazione ‘Legamjonici contro l’inquinamento’. Non a caso forse a non fermarsi mai, a guardare avanti, a chiedere la rinascita della città…in una sola parola “a sperare” è proprio la “mia” Daniela Spera.

“Vogliamo dare un messaggio ai tarantini perché Taranto deve reagire”, spiega   Claudio Merico. E Merico ha centrato l’obiettivo. La Taranto dello Spot è una Taranto provata, combattuta, ma coraggiosa e  forte, che vuole decidere e che chiede di agire.

Ogni personaggio nello spot ha una propria storia da raccontare: c’è una donna incinta, un’altra che ha vinto la sua battaglia contro il cancro, ci sono i bambini di Taranto e i tarantini emigrati in cerca di lavoro, ci sono le mamme e le nonne, ci sono i giovani. E tutti difendono: “La vita”. La vita come una risorsa e come un valore.

In poche ore lo spot su Youtube ha registrato 3000 contatti. Se avete voglia di energia e si speranza. Vedete anche voi È viva Taranto

 

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.